1934, le origini

Luigi Musetti fonda La casa del caffè, un negozio nel centro di Piacenza, in via Garibaldi 14. Ogni giorno prepara il primo caffè Musetti con amore e pazienza, utilizzando solo una piccola macchina tostatrice. Gli sforzi vengono però ripagati dalla soddisfazione dei suoi clienti.

La Seconda Guerra Mondiale

Lo Stato blocca l’importazioni di caffè, rendendo molto difficoltoso il reperimento della materia prima. Per Luigi inizia un duro periodo di fatica e miseria, reso ancora più difficile dalla paura dei continui bombardamenti. Fortunatamente riesce a salvarsi: terminata la guerra, si rimbocca le maniche e comincia a espandere l’attività. La città ha fame di progresso, le prime auto iniziano a circolare e le persone tornano a sorridere: ci sono tutti i presupposti per realizzare il suo grande sogno. Con l’aiuto della moglie Dina e dei figli Lucia e Achille, Luigi coglie al volo l’occasione e decide di trasformare la sua piccola attività in un’azienda.

1960, una nuova era

Il sogno si realizza e Musetti diventa un’azienda. Il ministro Umberto Tupini e il senatore piacentino Alfredo Conti partecipano all’inaugurazione della nuova sede di Viale Sant’Ambrogio. Per la famiglia Musetti inizia una nuova grande avventura.

I viaggi di Musetti

Luigi Musetti è un uomo che pensa in grande e sa che la passione per il caffè lo porterà lontano. Inizia a viaggiare per fare conoscere la qualità del proprio prodotto, tanto che negli anni ’70 il caffè Musetti approda alla prima importante fiera di settore. Quel periodo è però segnato anche da una brutta notizia: la scomparsa di Luigi a causa di una grave malattia. La moglie Dina, sostenuta dai figli Lucia e Achille, prosegue nell’attività imprenditoriale. Lucia si occupa dell’acquisto del caffè crudo, degli assaggi della materia prima e segue tutti gli aspetti produttivi. Achille invece inizia a viaggiare, proprio come aveva fatto suo padre, per creare una rete di contatti che nel tempo gli permette di fare apprezzare Musetti anche all’estero. Francia, Stati Uniti, Giappone, Inghilterra: in pochi anni Musetti diventa un prodotto internazionale.

1980, il Consorzio Piacenza Alimentare

Il Consorzio Piacenza Alimentare nasce dalla volontà di Achille Musetti, insieme a quella di altri 3 soci fondatori e il sostegno della Camera di Commercio locale, e assume un ruolo fondamentale nell’economia piacentina, avviando il processo di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese del comparto agro-alimentare: l’obiettivo è quello di esportare le eccellenze locali. Il Consorzio comprende settantacinque aziende, note per solidità e tradizione ma soprattutto per la bontà dei loro prodotti, alcuni dei quali garantiti dagli appositi Consorzi di Tutela. Achille Musetti, da sempre proiettato al futuro, fa aderire Musetti al Consorzio, incrementando così la visibilità del proprio marchio e continuando il lavoro del padre sui mercati esteri.

1997, le nuove generazioni

Purtroppo anche Dina viene a mancare. Il testimone passa ai figli Lucia e Achille, la seconda generazione di Musetti. In quegli stessi anni entrano in azienda anche il figlio di Lucia, Guido, e quella di Achille, Silvia. Iniziano a lavorare tutti insieme per accrescere l’azienda e portare avanti il sogno di famiglia.

2003, lo stabilimento

Musetti si trasferisce a Pontenure, in provincia di Piacenza. Qui costruisce un moderno stabilimento dove le innovazioni tecnologiche permettono all’azienda di lavorare meglio la materia prima, per offrire un caffè di qualità superiore. Viene messo a punto un metodo di confezionamento sottovuoto che consente di mantenere più a lungo l’intenso aroma del vero espresso all’italiana. Nel 2003 viene fondata anche la Musetti Coffee Academy, la scuola italiana per professionisti e amanti del caffè. Sotto la guida del celebre trainer Luigi Lupi, l’Academy inizia a tramandare ai baristi di tutto il mondo i segreti dell’espresso all’italiana, della decorazione e dei cocktail a base di caffè.

2004, una donna forte

Si spegne anche Achille. Lucia prende le redini dell’azienda, dimostrandosi da subito una donna di carattere e un’imprenditrice capace di guardare al futuro, senza dimenticare le proprie origini. In questo nuovo corso viene affiancata dal figlio Guido.

2013, l’ampliamento

L’area dell’azienda adibita alla logistica viene ampliata di ben 1800 mq, per un totale di 800 posti pallet aggiuntivi. È un chiaro segnale: la famiglia Musetti continua a sognare in grande.

2014, ottant’anni di caffè

L’azienda, guidata da Lucia Musetti e dal figlio Guido, festeggia 80 anni di attività. Dalla fondazione sono cambiate molte cose ma ciò che è rimasto inalterato è il sogno di produrre un grande caffè e diffonderne la cultura. L’occhio è rivolto al futuro ma mente e cuore non dimenticano la tradizione e le radici che hanno visto nascere Musetti. Proprio per questo Lucia continua ad assaggiare il caffè personalmente, con la stessa cura e passione di sempre.

2016, la nuova Coffee Academy

La Musetti Coffee Academy viene ristrutturata per trasformarla in una realtà multimediale al passo coi tempi. L’Academy utilizza le ultime tecnologie sia nelle aule che nei bar adibiti alle esercitazioni: entrambi sono infatti fondamentali per l’apprendimento dei baristi di oggi e domani.

Oggi, la storia continua

Il sogno di Luigi è stato raccolto non solo dalla sua famiglia ma anche da un centinaio di collaboratori che oggi aiutano l’azienda a crescere. Quello che li accomuna è l’amore per il buon caffè e la volontà di valorizzarne e diffonderne la cultura, ovunque.